La storia dell’Hotel Goldene Rose

Nel 1770 una nutrita delegazione papale, proveniente da Roma, in occasione del viaggio a Vienna per recarsi dall’imperatrice Maria Teresa ad omaggiarla della “Rosa d'oro”, la più alta onorificenza papale, passò per la Val Pusteria e soggiornò alla locanda “Zum Christlwirt” che, dopo questa visita importante, prese il nome di “Zur Goldenen Rose”.

La locanda si trovava direttamente sulle mura della città costruite nel 1256 ed è stata ampliata nel XV secolo sotto la direzione del maestro Michael Pacher (pittore e intagliatore).

A quel tempo nel lontano 1478, il principe vescovo di Bressanone, in quanto signore della città di Brunico, rafforzò le mura di difesa facendo costruire la cosiddetta “Sinwell”. Questa Torre Rotonda è oggi il simbolo del tradizionale “Hotel Goldene Rose”. Il portone della torre della cittadina è indice oggi di ospitalità, eleganza e atmosfera esclusiva.

Dal 1872 l’Hotel Goldene Rose è di proprietà della famiglia Hinterhuber, ora alla 6° generazione. L’hotel è stato completamente ristrutturato rispettando la tutela dei monumenti e rinnovato conformandosi ai dettami della moderna industria alberghiera.

Dati storici

  • 1478: Edificazione della Torre Rotonda, oggi simbolo dell’hotel
  • 1770: La locanda “Christlwirt” prende il nome di “zur Goldenen Rose”
  • 1872: La famiglia Hinterhuber assume la gestione del Goldene Rose
  • Dal 1872: Il Goldene Rose è da 6 generazioni a conduzione familiare
Richiesta senza impegno

Gli ospiti appassionati d’arte troveranno qui armadi da sala alto gotici riccamente intagliati, secrétaire barocchi e letti a baldacchino tardo gotici. Nel corso degli anni, nelle sale storiche, sono stati aggiunti quadri e mobili di artisti altoatesini contemporanei per completare l’arredo storico dell’hotel in modo armonico e dare un fascino particolare all’Hotel Goldene Rose Hinterhuber.